Comune di LIVORNO FERRARIS - Provincia di Vercelli

Comune di LIVORNO FERRARIS - Provincia di Vercelli

giovedì 24 aprile 2014

Sei in: Home Page » Turismo e Cultura » Uomini Illustri

Uomini Illustri

Inizio Pagina

Uomini Illustri

A Livorno ebbero i natali diversi personaggi che hanno spaziato in tutti i campi delle lettere, delle scienze e delle arti.
Primo fra tutti Galileo Ferraris (1847-1897), lo scienziato per eccellenza, inventore del campo magnetico rotante. Il fratello Adamo (1838-1871), martire garibaldino, medico personale di Garibaldi. Ai fratelli è dedicato il Museo Sacrario Ferraris posto al piano terra del Palazzo omonimo.

Galileo Ferraris - Statua

Il pittore ducale Giacomo Rossignolo (1524-1604) ed i pittori locali del seicento: Giacomo Antonio Lisca e Agostino Parolio; l'architetto Giuseppe Castelli (1703 - 1776) progettista della parrocchiale; gli ecclesiastici: Carlo e Clemente Fera, agostiniani (sec XVI) con cariche generalizie a Roma; Tommaso Piolatto (1549-1620), terzo vescovo di Fossano; Michelangelo Cortellia, priore a Crea (sec. XVII) e autore di una storia del Santuario; fra Francesco Maria (Polatto) da Livorno, cappuccino, morto nel 1666 in odore di santità; Giovanni Battista Canobio (1617-1677) fondatore dell'Opera Pia Canobio in Villanova Monferrato; Giuseppe Maria Perucca, canonico, deceduto nel 1737, fondatore della Casa di Loreto; Giovanni Angelo Bergancini (1754-1809), canonico e filosofo di idee portoregaliste (Port Royal), ideatore del ginnasio livornese; Nicolao Sismondi (1815-1894), prevosto di Livorno e fondatore dell'Istituto che porta il suo nome; Lorenzo Bonaudo (1922-1973), missionario in Cina; i letterati: Giacomo Cortellia e Antonio Stillio, poeti cinquecenteschi, Giovanni Necco (1895-1961) poeta e cattedratico, Francesco Antonio Nicolina (1716-1776), storiografo,Teresa Pretti (1885-1954), scrittrice in lingua francese; il tipografo itinerante Francesco Garrone (sec XVI); il giuresconsulto Rolando della Valle (sec. XVI), presidente del senato di Casale ed autore di importati testi giuridici; Giovanni Domenico Polatto, giuresconsulto e pur'esso presidente del senato di Casale, benefattore in patria e munifico mecenate della chiesa di Pozzo Sant'Evasio (1666) edificata su disegno di Sebastiano Guala; l'educatore Francesco Grassi (1852-1930) ricercatore scientifico; i musicisti: Angelo Clemente Ghiotto (sec XVII); Giuseppe Capitani (1843-1890), soprannominato "lo Strauss italiano"; don Lorenzo Gioanina (1889-1973) ideatore della notazione rotonda nella musica gregoriana; Aldo Gaspardino (1908-1992) lodato autore di ballabili; i militari: Giacomo Francesco Garrone (1658-1723), colonnello delle truppe pontificie e governatore di Urbino; Michele Stillio (morto nel 1697) luogotenente in Roma; entrambi benefattori; Giuseppe Rigasso, martire mazziniano (1803-1833); Germano Bergancini (1833-1912), unico vercellese dei "Mille"; Pietro Antonio De Giorgis (1841-1917), generale dei RR.CC.; Enrico Possis (1891-1985), colonnello eroico e sindaco di Livorno per più di quindici anni; e, per finire, Guglielmo Borselli (1827-1910); Camillo Corio (1856-1926), figlioccio di Cavour; e Angelo Lavarino (1922-1980), munifici benefattori dell'Ospedale livornese.


Pagine Collegate a Uomini Illustri

  • Nessuna pagina collegata

Tematiche

Inizio Pagina

News

Inizio Pagina

Links Utili

Inizio Pagina

Calendario Eventi

Calendario Eventi
«
aprile/2014
»
L M M G V S D
31
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30
1
2
3
4

Ultimi Aggiornamenti

Inizio Pagina
 
Comune di Livorno Ferraris - Via Martiri 100 - 13046 Livorno Ferraris VC
P.Iva:00403150022 - Codice Fiscale:84500230028
Tel. 0161.477295 - Fax. 0161.477770- livorno.ferraris@reteunitaria.piemonte.it